FAQ tecniche

Fai una domanda

ATV312 Partenza rapida ?

Introduzione                           
Come configurare i variatori Schneider per applicazioni semplici.
Come testare rapidamente il variatore.
Il test può servire come prima fase in caso di messa in servizio più complessa.       
Nota importante                                                   
Schneider fornisce i variatori pre-configurati tutti nello stesso modo. Questo set di parametri viene chiamato "preregolazione di base"   E' possibile tornare in qualsiasi momento alla preregolazione di base:      
Menu CONF e FCS = lnl (tenendo premuto per almeno 2s).
                                                                     
In questo esempio si considera che: 
 i parametri sono quelli della preregolazione di base (caso di un prodotto nuovo uscito dalla fabbrica)                    
 il motore da comandare è un normale motore a gabbia 50Hz e non un motore a sincrono o ad anelli                 
 il motore da comandare  è dello stesso calibro del motore                                                                  
 l'installatore o il tecnico addetto sa utilizzare il terminale grafico o il visualizzatore ( validazione arborescenza)
1) Per far ruotare il motore in avanti o indietro ( due strap)

Cablaggio                                      
collegare il morsetto AI1  (riferimento analogico) sul morsetto +10,
collegare il morsetto LI1  sul morsetto +24V      
Funzionamento
Marcia avanti                                     
Una volta collegato LI1 il variatore si avvierà immediatamente in marcia avanti raggiungendo la velocità indicata nel parametro HSP (alta velocità) ovvero 50 Hz - 1500 giri/min  per un motore classico
Marcia indietro
Per far ruotare il motore in marcia indietro collegare il morsetto LI2 al morsetto + 24                                                                     
Rampe di accelerazione di decelerazione                                    
Qualunque sia il senso di marcia il variatore rispetterà le rampe di accelerazione e  e di decelerazione dei parametri ACC e DEC preregolati di base a 3 s. Per diminuire o aumentare la velocità, le rampe di accelerazione e di decelerazione, andare nel  menu SET => e modificare i pararmetri LSP, HSP, ACC e DEC           
Esempio per il parametro HSP:
Menu CONF=> HSP= 40 ( se la velocità desiderata è 40Hz)

Nota
Invece di collegare LI1 o LI2 direttamente alla polarità, utilizzare il contatto di un selettore o di un pulsante o di un'uscita controllore. 
Consiglio
Se è sufficiente questo modo di funzionamento portare la termine la procedura passando ai punti  7 e 8:
protezione termica del motore                                                  
autotuning,                                                           
Difetto NSt                                                                                  
Se alla messa in tensione viene segnalato il difetto Nst passare al punto 9.

2) Fare variare la velocità utilizzando un potenziometro  (cablaggio di un poteziometro, uno strap),
Configurazione                                                                             
Verificare se il parametro LSP è a 0   Menu SET => LSP=0 (non necessario se è attiva la preregolazione di base),
Riposizionare il parametro  HSP a 50 : Menu SET => HSP=50 ( non necessario se è attiva la preregolazione di base),                                              
Cablaggio                                                                                  
utilizzare un potenziometro da 10 kohms massimo, il prodotto rif. SZ1RV1202 è il potenziometro standard Schneider da 2,2 kohm,
Collegare il poteziometro nel modo seguente: resistenza completa tra i morsetti +10 V e COM  e il Punto medio in AI1                   
Collegare il morsetto LI1 (Marcia Avanti) della morsettiera sul morsetto +24.
Funzionamento                                                          
Marcia avanti e Marcia Indietro
Una volta collegato LI1 (avanti) o LI2 (Indietro)  il variatore avvierà immediatamente il motore in marcia avanti raggiungendo la velocità indicata dall' ingresso analogico 0-10 corrispondente a 0-50 Hz.

Rampe di accelerazione di decelerazione                                    
Il variatore si avvia seguendo le rampe di accelerazione o di decelerazione e raggiunge il riferimento di velocità determinato dal potenziometro. L'operatore potrà quindi far evolvere molto facilmente il riferimento di velocità.
Nota
Nota
Invece di collegare LI1 alla polarità, utilizzare il contatto di un selettore o di un pulsante o di un'uscita controllore. 
Consiglio
Se è sufficiente questo modo di funzionamento portare la termine la procedura passando ai punti  7 e 8:
protezione termica del motore
autotuning,                                                           
Difetto NSt                                                                                  
Se alla messa in tensione viene segnalato il difetto Nst passare al punto 9.
3) Fare variare la velocità utilizzando la rotella di regolazione della tastiera, mentre gli ordini di comando sono forniti dalla morsettiera (uno strap e 4 potenziometri)                        
Cablaggio                                                                                  
collegare il morsetto LI1 al morsetto +24
Configurazione
Menu CtL => FR1 = A1U1.
Funzionamento
posizionare il visualizzatore su reF => A1U1,
avviare attivando LI1,
ruotare la rotella di regolazione per accelerare o decelerare,
Nota
Invece di collegare LI1 alla polarità, utilizzare il contatto di un selettore o di un pulsante o di un'uscita controllore. 
Consiglio
Se è sufficiente questo modo di funzionamento portare la termine la procedura passando ai punti  7 e 8:
protezione termica del motore
autotuning,                                                           
Difetto NSt
Se alla messa in tensione viene segnalato il difetto Nst passare al punto 9.
4) Utilizzo delle velocità preselezionate  (3 parametri, 4 strap e un potenziometro)                                                                          
I variatori di velocità Schneider sono preconfigurati di base in velocità preselezionate. Non ci soffermeremo su questa parte, ma forniamo solamente un semplice esempio facile da utilizzare :
Descrizione
bassa velocità 5 Hz attivando l'ingresso LI3,
media velocità  45 Hz attivando l'ingresso LI4,
alta velocità 50 Hz attivando l'ingresso  LI3 e LI4,
velocità variabile tra 0 e 50 Hz se si disattivano gli ingressi  LI3 e LI4, velocità data dal potenziometro.
Qualunque sia la velocità scelta è necessario che vengano attivati  il comando di Marcia  Avanti LI1 o di Marcia  Indietro LI2.
Cablaggio
collegare il morsetto LI1 con il morsetto +24V per avviare in marcia avanti alla velocità di riferimento del potenziometro o ad una dellevelocità preselezionata se selezionata,
collegare il morsetto LI2 con il morsetto +24V per avviare in marcia indietro alla velocità di riferimento del potenziometro o ad una velocità preselezionata se selezionata,
LI3 sarà collegato con +24V per impostare la bassa velocità di 5 Hz,
LI4 sarà collegato con +24V per impostare la media velocità di 45 Hz,
LI3 e LI4 saranno collegati con + 24V per impostare la  velocità di  50 Hz,
utilizzare un potenziometro da 10 kohms max, il riferimento SZ1RV1202 corrisponde al potenziometro standard di Schneider da 2,2 kohms.
Collegare il potenziometro nel modo seguente: resistenza completa tra i morsetti +10 e COM  e il Punto medio del potenziometro in AI1.
Configurazione
Verificare se sono sempre valide le seguenti preregolazioni di base :
Menu SET => LSP = 0 HSP = 50,
Menu FUN è PSS è PS2 = LI3,
Menu FUN è PSS èPS4 = LI4,
Forzare i seguenti parametri:
Menu FUN è PSS èSP2 = 5 Hz,
Menu FUN è PSS èSP3 = 45 Hz,
Menu FUN è PSS èSP4 = 50 Hz,
Funzionamento
Premendo LI1 o LI2, il motore tornerà in Marcia  Avanti o Indietro fino a raggiungere la velocità del potenziometro.
Attivando LI3 : 5 Hz,
Attivando LI4 : 45 Hz,
Attivando LI3 e LI4 : 50 Hz,
5) Per  avviare il motore solo con il terminale o il visualizzatore integrato

Con il visualizzatore integrato
Configurazione
menu CTL => FR1 = A1U1,
menu CTL => LAC = L3,
menu CTL => CHCF = separato,
menu CTL => CD1 = LOC,
Funzionamento
posizionare il visualizzatore su : Menu reF => A1U1,
premere  Run e ruotare la rotella di regolazione,
premere Stop per fermare.
Con il terminale remotato
 Configurazione
Menu CtL è LAC = L1 o L2,
                èLCC = Yes,
Funzionamento
posizionare il visualizzatore su Menu reF => LFR,
tasto RUN : Marcia,
tasto STOP : Arresto del variatore,
tasto FWD/REV : inversione del senso di rotazione
tasto '' freccia in alto'' o ''freccia in basso'' o ancora rotella di regolazione in senso orario o antiorario: aumento o abbassamento del riferimento di velocità.
6) Proteggere il motore (un parametro)
Regolare la protezione termica del variatore per proteggere il motore. Sulla targa motore memorizzare la corrente nominale e riportarla nel parametro Ith del variatore :
menu SET è Ith = I nom Motore.
7) Ottimizzazione o autotuning o Tun dell'insieme variatore / motore ( da 5 a 6 parametri)
Questa operazione, non  indispensabile ma fortemente consigliata, permette tra l'altro di ottimizzare le correnti (ridurle) evitando surriscaldamenti e permettendo quindi di risparmiare energia.
In pratica si tratta di andare a leggere le informazioni riportate sulla targa motore e di copiarle nel variatore lanciando quindi l'autotuning (Tun).
Il motore deve essere collegato al variatore (contattore a valle attivo) e il comando di marcia LI1 o LI2 deve essere disattivato.
Menu drC =>
UnS = tensione nominale indicata sulla targa motore,
FrS = Frequenza nominale indicata sulla targa motore,
nCr = Corrente nominale indicata sulla targa motore,
nSP = Scorrimento nominale indicato sulla targa motore,
COS = coseno phi del motore indicato sulla targa motore,
tUn = YES : validare con il tasto ENT tenendolo premuto per almeno 2 sec. Se l'operazione di autotuning viene completata senza problemi tUn passa a Done (Eseguito).
8) Per controllare la temperatura del motore
I variatori  ATV12 e ATV312 non possiedono la funzione di controllo termico motore con sonde PTC.
Tuttavia è possibile assicurare facilmente tale funzione con un modulo dedicato a questo controllo.
Si tratta di un dispositivo di comando per la protezione termica con sonde PTC : gamma LT3S. Consigli per il collegamento delle sonde termiche
verificare che le sonde siano di tipo PTC e non PT100 – il modulo LT3S funziona solo con sonde PTC,
verificare che il motore comprenda 3 sonde montate in serie per un valore totale di 750 ohms a 20°C,
se il motore comprende esclusivamente sonde ad una sola resistenza  (sonda di superficie), è possibile mettere in serie  le sonde di 3 motori  e collegarle su un solo LT3S.
9) Per risolvere il Difetto Nst alla messa in tensione
Nst può indicare:                                   
uno stato del variatore: in attesa di un comando dal  bus o dalla rete di comunicazione (CanOpen, Modbus, TCP/IP,..) il variatore è quindi collegato. Se si desidera testare il variatore senza connessione, ad esempio con la morsettiera di comando o il visualizzatore, scollegare il variatore e forzare la preregolazione di base.
Se  il variatore non è collegato a una rete o a un bus,                           
Se Nst appare alla messa in tensione del variatore si tratta invece di un difetto e l'interpretazione è la seguente:
il parametro tCt [Tipo cdo 2 fili] è posizionato al valore trn [Transizione] nella preregolazione di base, questa impostazione indica che è necessario un cambiamento di stato (transizione o fronte) per comandare l'avviamento ed  evitare il riavviamento intempestivo dopo un'interruzione dell'alimentazione.  Questa configurazione può causare dei difetti NST alla messa in tensione e per evitarlo occorre:
Verificare che il prodotto sia in modalità di comando 2 fili, impostando la seguente configurazione :
Menu I-O è tCC = 2C,
basta posizionare il parametro tCt [Tipo cdo 2 fili] al valore LEL [Livello] (per il comando Marcia o Arresto viene acquisito lo stato 0 o 1) :
Menu I-O è tCt = LeL,
Attenzione  il variatore si riavvia alla messa in tensione; verificare che sia assicurata la protezione dei beni e delle persone.

E' stato utile?
Che cosa possiamo fare per migliorare l'informazione?