• Incentivi: conto termico 2.0

Aerial view of a smart city at night, smart buildings.

Il nuovo Conto Termico 2.0, ossia il Decreto Interministeriale 16 febbraio 2016 di aggiornamento Conto Termico, con i suoi Allegati, è entrato in vigore il 31 maggio 2016. 

Esso ha rivisto, potenziandola e semplificandola, la disciplina per l'incentivazione delle rinnovabili termiche e degli interventi di efficienza di piccole dimensioni di cui al precedente Conto Termico del 2012. 

A disposizione ci sono 900 milioni di euro annui, 700 per privati e imprese e 200 per le amministrazioni pubbliche, le cooperative di abitanti o sociali e le società di patrimonio pubblico. 

Il meccanismo è gestito dal Gestore dei Servizi Energetici. 

Tra gli interventi incentivabili (per edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale):

    1. installazione di tecnologie di gestione e controllo automatico (building automation) degli impianti termici ed elettrici degli edifici (tecnologie afferenti almeno alla classe B della norma UNI EN15232) ivi compresa l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore
    2. sistemi di contabilizzazione del calore, ma unitamente a sostituzione di impianti esistenti con certi tipi di impianti di climatizzazione invernale (pompe di calore, generatori a biomassa) con potenza termica utile > 200 kW, o unitamente a installazione di solare termico di varie tipologie (anche per processi produttivi, teleriscaldamento, teleraffreddamento) con superficie del campo solare > 100 mq.
Beneficiari:
  • building automation, ivi compresa l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore: solo per Pubblica Amministrazione (incluse le società a patrimonio pubblico e le cooperative sociali)
  • sistemi di contabilizzazione del calore (unitamente alle attività descritte al punto 2 qui sopra): sia per P.A. che per privati.
Valorizzazione dell’incentivo:
  • Ammontare dell’incentivo (totale, cumulato) per building automation : non superiore a 10 € / mq (40% della spesa ammissibile, pari a max 25 € / mq), valore massimo 50.000,00 euro.
  • Ammontare dell’incentivo per sistemi di contabilizzazione calore (unitamente alle attività descritte al punto 2 qui sopra): in funzione dell’intervento cui sono uniti.
Per approfondire ulteriormente l’argomento, visita il sito del GSE.