• Decreto interministeriale “requisiti minimi” del 26/06/2015

Two architects are standing in a white room with floor plans reviewing the space, sustainability consulting, smart building, smart city.

Il Decreto con i relativi Allegato 1, Appendice A ed Appendice B , definisce il livello minimo di automazione per gli edifici ad uso non residenziale di nuova costruzione, o sottoposti ad ampliamenti con nuovi impianti tecnici, o sottoposti a ristrutturazioni importanti di primo livello. 

Il livello minimo richiesto corrisponde alla classe B definita all’interno della norma UNI EN 15232.

Ristrutturazione importante di primo livello è l’intervento che interessa almeno il 50% della superficie disperdente lorda complessiva dell’involucro edilizio e che comporta anche la ristrutturazione dell’impianto termico per il servizio di climatizzazione invernale e/o estiva asservito all’intero edificio.

Le ristrutturazioni di secondo livello e le riqualificazioni energetiche non prevedono tale obbligo, tuttavia se la potenza termica nominale del generatore è maggiore o uguale a 100 kW deve essere realizzata una diagnosi energetica che valuti anche l’opzione di installare un sistema di automazione conforme alla classe B della norma UNI EN 15232.

In particolare per la Regione Lombardia, la d.g.r. 3868 del 17/07/2015 ed il conseguente d.d.u.o. 6480 del 30/07/2015 recepiscono il decreto nazionale con un distinguo sulla data di decorrenza e con una serie di precisazioni.