• Elementi fondamentali nelle decisioni riguardanti i Data Center: aggiornamento, costruzione o esternalizzazione

man and women talk about energy management in a data center

Quando occorre decidere se aggiornare un Data Center, costruirne uno nuovo o esternalizzare l'attività ad un Data Center in colocation, è necessario valutare i requisiti aziendali, i piani futuri e le preferenze finanziarie. Da un confronto del TCO (Total Cost of Ownership) a 10 anni, l'aggiornamento o la costruzione ex novo possono risultare più convenienti rispetto all'esternalizzazione, ma determinati fattori strategici, ad esempio i flussi finanziari, i tempi di implementazione e altri elementi possono rivelarsi più importanti del semplice aspetto economico.

Determinare il giusto approccio
Un semplice aggiornamento delle apparecchiature esistenti potrebbe essere la soluzione più semplice e più conveniente. Quando l'aggiornamento è sufficiente, ad esempio con l'installazione di soluzioni di gestione del flusso d'aria, mantenere all'interno i carichi informatici può avere senso dal punto di vista finanziario. In un periodo di 10 anni, con un aggiornamento si può ottenere un risparmio superiore al 60% rispetto all'esternalizzazione.

Anche se tutti i Data Center richiedono lo stesso tipo di spese di capitale e di esercizio, il modello di flussi finanziari per un Data Center di nuova realizzazione e di un Data Center in colocation differiscono significativamente. La realizzazione ex novo richiede l'anticipo di notevoli spese di capitale e implica la possibilità di sostenere spese di esercizio annuali variabili. I Data Center in colocation implicano una maggiore prevedibilità, in quanto i costi non cambiano e hanno una cadenza mensile. Per le imprese attente a ridurre le spese di capitale, una soluzione in colocation può essere conveniente, nonostante il maggiore TCO a lungo termine.

Quando la vita prevista di un Data Center non raggiunge i cinque anni, l'esternalizzazione può rappresentare una scelta sensata dal punto di vista economico ma, quando la previsione di vita supera i cinque anni, la scelta migliore è la realizzazione di un Data Center ex novo.

Fattori strategici 
L'aspetto finanziario è fondamentale per stabilire se scegliere la realizzazione ex novo o l'esternalizzazione, ma i costi non rappresentano l'unico fattore da considerare. Determinati filtri decisionali, ad esempio la necessità di una rapida implementazione informatica, fanno propendere verso l'esternalizzazione, scartando l'aggiornamento o la realizzazione ex novo. Tali filtri, assieme a determinati fattori strategici, influiscono in maniera determinante sulla decisione:

  • La competenza nelle infrastrutture tecniche può fare la differenza a favore dell'esternalizzazione, a meno che un'azienda non disponga delle risorse e delle competenze e non preferisca gestire un Data Center internamente.
  • Anche i requisiti normativi sono determinanti: basti pensare al problema della sicurezza o della rendicontazione. Alcuni fornitori di servizi di colocation, in realtà, sono in grado di garantire un livello di competenza necessario a gestire il problema della conformità alle norme.
  • Un'aspettativa di vita inferiore a due anni coincide con un'esigenza a breve termine che è possibile gestire con un rapido aggiornamento o con il ricorso alla colocation.
  • I tempi di implementazione dipendono dai requisiti aziendali e dallo spettro delle opportunità perdute. Un aggiornamento di portata limitata può essere attuato pressoché immediatamente. Il ricorso a un fornitore di servizi di colocation può garantire un'implementazione estremamente rapida, nel giro di poche settimane. La costruzione di un nuovo Data Center, invece, può richiedere da sei mesi a due anni.
  • Un fattore decisivo può essere la cultura aziendale. Se un'azienda non vede di buon occhio l'esternalizzazione, il ricorso alla colocation si può escludere rapidamente.
  • La comodità di controllare internamente le apparecchiature informatiche in uno spazio condiviso può dipendere dal livello di sicurezza e di affidabilità garantito dalla politica del fornitore.
  • L'accessibilità alle risorse informatiche del Data Center in tempi ragionevoli è fondamentale dal punto di vista della fiducia nel fornitore di servizi di colocation.
  • La sicurezza dell'adempimento ai termini contrattuali è un fattore importante nella valutazione di un potenziale fornitore di servizi di colocation.
  • L'entità percepita degli investimenti di capitale è utile alle imprese per stabilire se il risparmio sul TCO è sufficiente per giustificare l'esborso di spese di capitale anticipate.
  • La preferenza del modello di flussi finanziari può essere determinante, in quanto la prevedibilità e l'assenza di spese di esercizio impreviste, proprie della colocation, possono garantire in molti casi un notevole risparmio nel lungo termine.

La valutazione dei rischi e dei benefici dell'aggiornamento, della costruzione ex novo o dell'esternalizzazione - per far fronte all'incremento dell'implementazione IT - impone di considerare un approccio che bilanci i costi con i tempi e il valore per l'azienda.

Gli aspetti finanziari sono fondamentali per la scelta tra costruzione o esternalizzazione, ma i costi non rappresentano l'unico fattore da considerare. Sono disponibili fogli di lavoro, esempi di soluzioni finanziarie e uno strumento di calcolo del TCO per il confronto tra costruzione e colocation. Scaricate il White Paper n. 171.
Ulteriori informazioni